Fondazione Cuori Bianconeri Onlus Una causa con stile

Seguici su Twitter per
avere nuove informazioni.
Seguici su Facebook per
avere nuove informazioni.
Seguici su Youtube per
avere nuove informazioni.

ALLEGRI: "QUEST'ANNO DOVREMO FARE TANTA FATICA"

Massimiliano Allegri ha commentato la sfida contro il Chievo in sala stampa al Bentegodi. "L'accoglienza è stata ottima. Purtroppo c'era il lutto nazionale e quindi è stata una giornata strana. Però abbiamo dovuto giocare, i ragazzi hanno fatto una bella partita, abbiamo trovato un Chievo che si è difeso. Le occasioni che ha avuto le ha sfruttate al massimo, la Juventus ha avuto una bella reazione. Alla prima giornata ci voleva una vittoria così. Siamo partiti bene, potevamo fare il secondo gol, abbiamo avuto delle occasioni, abbiamo un po' gigioneggiato, abbiamo abbassato l'attenzione quando dovevamo difendere e Giaccherini ha avuto il tempo di stopparla, di toccarla, prendere la mira e prendere la testa di Stepinski. Il fatto di andare subito in vantaggio non ci ha penalizzato nella testa, anzi, ci doveva avvantaggiare se però dopo facevamo il secondo gol. Questo non è successo, poi hai una disattenzione o un periodo in cui sei meno attento e prendi gol. Ci sono partite e partite, è normale che nel secondo tempo, come nel primo tempo, quando abbiamo avuto quelle situazioni con spazio davanti è normale che la squadra diventi disarmante. Le partite cambiano in base agli avversari e dai momenti della partita. Io dico che per vincere il campionato quest'anno bisogna fare tanta fatica come abbiamo fatto gli scorsi anni, quest'anno più a livello mentale perché come abbiamo visto nel primo tempo abbiamo allentato l'attenzione nel difendere e poi abbiamo preso gol. Questo non va bene. Mi è piaciuta la formula offensiva del primo tempo perchè abbiamo avuto occasioni, è normale che con Dybala e con Ronaldo, devi andare ad occupare gli spazi lasciati fuori dai due quando Ronaldo si defila. Durante la stagione, durante le partite, anche oggi, come dico sempre, i cambi risultano determinanti. Perché se entrano e fanno quello che ha fatto Bernardeschi, Mandzukic e anche Emre Can. Poi Sorrentino ha parato, ha parato tante palle, abbiamo tirato 26 volte in porta, di cui 10 nello specchio della porta, o 12". ".